Carloforte. Amianto, navi militari e mercantili: il risarcimento arriva dagli USA

Con il patrocinio del Comune di Carloforte, venerdì 26 Ottobre alle ore 16:30, la sala Ex-Me in via XX Settembre, ospita il convegno “Amianto, navi militari e mercantili: il risarcimento arriva dagli Leggi tutto »

Amianto e risarcimento. Convegno a Ortona.

“Amianto, navi militari e mercantili: il risarcimento arriva dagli USA” è il titolo del convegno che si terrà venerdì 16 marzo dalle 16.30 presso la sala Rotary del Complesso Monumentale di Sant’Anna Leggi tutto »

Amianto e tumori: incontro a Gaeta.

Si terrà giovedì 15 marzo alle 17, presso la Fondazione Caboto – Palazzo della Cultura, un importante appuntamento sulla tematica dell’amianto organizzato da A.P.I.N. Asbestos Personal Injury Network – Vittime Amianto Onlus, Leggi tutto »

Dona il 5 x 1000 ad APIN ONLUS

Firmare per il 5 per mille all’APIN ONLUS non ti costa nulla perché non è una tassa in più ma una quota di imposte cui lo Stato rinuncia per destinarla alle organizzazioni Leggi tutto »

INAIL. MALATTIE AMIANTO CORRELATE E PRESTAZIONI PER MALATI E SUPERSTITI.

L’Istituto Nazionale Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (www.inail.it) ha pubblicato on line un opuscolo informativo su “Quali sono e come funzionano le prestazioni in favore dei soggetti colpiti da malattie asbesto-correlate Leggi tutto »

Tag Archives: navi

Amianto e risarcimento. Convegno a Ortona.

Amianto, navi militari e mercantili: il risarcimento arriva dagli USA” è il titolo del convegno che si terrà venerdì 16 marzo dalle 16.30 presso la sala Rotary del Complesso Monumentale di Sant’Anna a Ortona.

Con l’aiuto di esperti e avvocati, si cercherà di sensibilizzare e far conoscere i danni sulla salute che produce l’amianto, l’effetto deleterio delle fibre di questo minerale sul corpo umano, e le possibili modalità di risarcimento per i lavoratori che abbiano contratto malattie asbesto correlate.

L’iniziativa, in collaborazione con il Comune di Ortona, è promossa dall’Associazione Asbestos Personal Injury Network (A.P.I.N.) ONLUS

L’A.P.I.N. è riuscita a mettere in contatto centinai di persone con professionisti, sia essi medici sia essi avvocati di indubbia serietà e indiscussa professionalità – spiega Nicola Carabellese, presidente A.P.I.N. – Ha seguito centinaia di casi, in continua crescita, peraltro. È un realtà che nasce per mantenere alta l’attenzione dell’opinione pubblica sul problema amianto, vuole essere una sentinella a tutela delle vittime e dei loro familiari”.

I focus tematici saranno a cura dell’Avv. Pierpaolo Petruzzelli, esperto diritto in malattie professionali per i malato asbesto correlati e Mitchell S. Cohen, avvocato in Philadelphia, esperto in diritto risarcitorio internazionale.

Per ulteriori informazioni:

Tel +393343817716 / +393283010088
www.apin.it | apinitalia@gmail.com
facebook.com/apinetwork
twitter.com/apinitalia

AMIANTO: NAVI MILITARI E MERCANTILI IL RISARCIMENTO ARRIVA DAGLI U.S.A.

MARTEDI 6 OTTOBRE 2015
presso  PALAZZO ZUPPELLO  |  AUGUSTA (SR)

APIN, Welfare della Gente di Mare Augusta, Piloti del Porto Augusta-Siracusa-Pozzallo, Apostolatus Maris

presentano

AMIANTO: NAVI MILITARI E MERCANTILI IL RISARCIMENTO ARRIVA DAGLI U.S.A.

PROGRAMMA

INTRODUZIONE Avv. Ninella Azzarelli – Moderatrice

SALUTO DELLE AUTORITA’

IL RUOLO DELLA ONLUS APIN NELLO SCENARIO NAZIONALE Nicola Carabellese – Presidente A.P.I.N ONLUS

ESPERIENZA NEGLI USA DEL RISARCIMENTO PER DANNI DA AMIANTO Mitchell S. Cohen – Avvocato In America

PREGRESSA ESPOSIZIONE AD AMIANTO. IL RUOLO DEL MEDICO DEL LAVORO NELLA VALUTAZIONE E RICHIESTA DI EVENTUALI DANNI Gaetano Milluzzo – Medico Del Lavoro

MALATTIE PROFESSIONALI PER I MALATI ASBESTO CORRELATI Pierpaolo Petruzzelli – Avvocato In Bari

DIBATTITO, CONCLUSIONI E CHIUSURA DEI LAVORI

 

 

AUGUSTA2K15web

 

 

L’AMIANTO ED I MARITTIMI UNA CONVIVENZA INFINITA!

29 MARZO 2014 ore.10.00 GAETA (LT) – Piazza Trieste n.7 – c/o aula magna dell’Istituto Nautico “Giovanni Caboto”

UNIONE NAZIONALE DECORATI DI MEDAGLIA D’ORO DI LUNGA NAVIGAZIONE DELLA MARINA MERCANTILE ITALIANA (Compartimento di Gaeta), ASSOCIAZIONE MEDAGLIE D’ORO LUNGA NAVIGAZIONE MARINA MERCANTILE E DEI MARINAI D’ITALIA, A.P.I.N. Onlus e ISTITUTO NAUTICO CABOTO,

presentano il convegno:

L’AMIANTO ED I MARITTIMI UNA CONVIVENZA INFINITA! 

 

PROGRAMMA

ore 10.00  – SALUTO AUTORITA’ ED INIZIO LAVORI

NICOLA CARABELLESE Presidente A.P.I.N. Onlus

SALVATORE DI TUCCI Preside e Professore dell’Istituto Nautico “Giovanni Caboto”

GIACOMO CAIAZZO Capitano di macchine

MASSIMO MENEGOZZO già Direttore del Registro Nazionale Mesoteliomi (RE.NA.M) della Campania

LUIGI MASIELLO Professore dell’Istituto Nautico “Giovanni Caboto”

MITCHELL COHEN Avvocato di Philadelphia

PIERPAOLO PETRUZZELLI Avvocato del Foro di Bari

ore 12.30 –  DIBATTITO, CONCLUSIONI E CHIUSURA DEI LAVORI

 

apin marittimi asbestosi mesotelioma amianto

L’AMIANTO: IL PORTO DI NAPOLI E L’AMERICA – PROCEDURE DI INDENNIZZO

VENERDI 28 MARZO 2014 ore  11:00 presso Calata Marinella Interno Porto – c/o casa del portuale C.U.L.P. Compagnia Unica Lavoratori Portuali – Napoli, A.P.I.N. vi invita all’incontro:

“L’AMIANTO: IL PORTO DI NAPOLI E L’AMERICA – PROCEDURE DI INDENNIZZO”Watch movie online The Transporter Refueled (2015)

PROGRAMMA
ore 11.00 – INIZIO LAVORI

NICOLA CARABELLESE Presidente A.P.I.N. Onlus
MITCHELL COHEN Avvocato di Philadelphia
PIERPAOLO PETRUZZELLI Avvocato del Foro di Bari
ANTONIO IOVINE  R.L.S.S.Responsabile dei Lavoratoriper la Sicurezza di Sitodel Porto di Napoli

ore 12.30 – DIBATTITO, CONCLUSIONI E CHIUSURA DEI LAVORISpring Breakers (2013)

amianto napoli porto indennizzo usa

Sentenza post mortem per esposti all’amianto

Sentenza post mortem per esposti all’amianto

di Giuseppe Armenise

Vite rovinate da una malattia professionale con tasso di invalidità il cui riconoscimento, però, arriva dopo anni e solo per via giudiziaria, in alcuni casi addirittura dopo la morte del lavoratore. Accade in Italia, accade per colpa dell’amianto. Al momento si registrano sei i casi, verosimilmente solo i primi sei di una lunga serie, tutti sciolti dal giudice del lavoro dei tribunale di Bari, Daniele Colucci, che ha condannato l’Inail a riconoscere in alcuni casi, a rivedere al rialzo in altri, la rendita per malattie da lavoro ad altrettanti marittimi (cinque di Monopoli e uno di Mola) imbarcati per anni su navi mercantili o su petroliere. Amianto a piene mani soprattutto nei vani caldaia e motore. Amianto in corde, prevalentemente, attorcigliate intorno alle condutture bollenti per svolgere la loro funzione di impareggiabili isolanti.

Le sentenze baresi sono state emanate a beneficio rispettivamente di due ex marittimi che, dopo aver invano tentato di farsi riconoscere i diritti delle leggi sull’esposizione all’amianto, si sono ammalati di asbestosi, di altri due che invece hanno contratto tumori polmonari con annesse placche pleuriche (chiaro sintomo quando si tratta di patologie provocate dalle sottilissime fibre di amianto) e infine dei due più sfortunati, che hanno contratto egualmente patologie cancerogene a livello polmonare e a causa di queste sono morti. In quest’ultima caso, le rendite dovute sono state riconosciute alle consorti.

Le sentenze sono importanti non soltanto perché coronano la battaglia di persone che si sono dovute scontrare anche per decenni contro il muro eretto da quelle istituzioni intenzionate a disconoscere il loro diritto a vedersi risarciti, ma anche perché segnano l’avvento di una nuova, tristissima stagione. Per molti, soprattutto nel settore marinaro, la vicinanza con l’amianto è stata una sorta di tabù. Non se ne poteva parlare e quando se ne parlava si veniva tacciati di dire il falso. Ancora recentemente, nonostante l’amianto sia stato messo al bando anche in Italia nel 1992, continuavano a solcare i mari motovedette o altre navi militari, retaggio del piano Marshall quando, nel secondo dopoguerra, gli scafi intrisi di materiale pericoloso per la salute ci furono donati dagli statunitensi ed entrano a far parte della nostra flotta.

I lavoratori esposti sulle navi sono stati trattati, per certi versi, come malati di serie B. Gli armatori non sono mai stati tenuti, come invece gli imprenditori di altri settori, a versare all’Inail il premio per l’esposizione dei lavoratori a materiali contenenti amianto. Il risultato è che, per gli organismi previdenziali e per gli enti assicurativi contro gli infortuni sul lavoro, di fatto i lavoratori imbarcati hanno cominciato ad esistere solo dopo decenni dal momento in cui hanno preso coscienza dei rischi che correvano. Che fossero lavoratori a rischio ci si è accorti solo quando si sono ammalati e ammalati in maniera grave e comunque solo grazie all’intervento di un giudice. Nessuno ha potuto ottenere, in via cautelativa, di essere destinato ad altra mansione, così come accaduto per altre categorie professionali, lontana dalla fonte di contaminazione.

A rappresentare i lavoratori e le loro famiglie, l’avvocato Pierpaolo Petruzzelli, riferimento in Italia per una serie di procedimenti risarcitori avviati (e vinti) da altri marinai imbarcati proprio su quelle navi «donate» dagli Usa all’Italia dopo la seconda guerra mondiale. Petruzzelli è referente in Italia dell’Asbestos personal injury network che il 16 novembre, a Napoli, terrà un incontro sugli aspetti medico-legali nel rapporto tra giustizia e salute in caso di malattie provocate dall’esposizione all’amianto.

Fonte:
http://www.lagazzettadelmezzogiorno.it/notizia.php?IDNotizia=567686&IDCategoria=1

Sentenza post mortem per esposti all’amianto

Vite rovinate da una malattia professionale con tasso di invalidità il cui riconoscimento, però, arriva dopo anni e solo per via giudiziaria, in alcuni casi addirittura dopo la morte del lavoratore. Accade in Italia, accade per colpa dell’amianto. Al momento si registrano sei i casi, verosimilmente solo i primi sei di una lunga serie, tutti sciolti dal giudice del lavoro dei tribunale di Bari, Daniele Colucci, che ha condannato l’Inail a riconoscere in alcuni casi, a rivedere al rialzo in altri, la rendita per malattie da lavoro ad altrettanti marittimi (cinque di Monopoli e uno di Mola) imbarcati per anni su navi mercantili o su petroliere. Amianto a piene mani soprattutto nei vani caldaia e motore. Amianto in corde, prevalentemente, attorcigliate intorno alle condutture bollenti per svolgere la loro funzione di impareggiabili isolanti.

Le sentenze baresi sono state emanate a beneficio rispettivamente di due ex marittimi che, dopo aver invano tentato di farsi riconoscere i diritti delle leggi sull’esposizione all’amianto, si sono ammalati di asbestosi, di altri due che invece hanno contratto tumori polmonari con annesse placche pleuriche (chiaro sintomo quando si tratta di patologie provocate dalle sottilissime fibre di amianto) e infine dei due più sfortunati, che hanno contratto egualmente patologie cancerogene a livello polmonare e a causa di queste sono morti. In quest’ultima caso, le rendite dovute sono state riconosciute alle consorti.

Le sentenze sono importanti non soltanto perché coronano la battaglia di persone che si sono dovute scontrare anche per decenni contro il muro eretto da quelle istituzioni intenzionate a disconoscere il loro diritto a vedersi risarciti, ma anche perché segnano l’avvento di una nuova, tristissima stagione. Per molti, soprattutto nel settore marinaro, la vicinanza con l’amianto è stata una sorta di tabù. Non se ne poteva parlare e quando se ne parlava si veniva tacciati di dire il falso. Ancora recentemente, nonostante l’amianto sia stato messo al bando anche in Italia nel 1992, continuavano a solcare i mari motovedette o altre navi militari, retaggio del piano Marshall quando, nel secondo dopoguerra, gli scafi intrisi di materiale pericoloso per la salute ci furono donati dagli statunitensi ed entrano a far parte della nostra flotta.

I lavoratori esposti sulle navi sono stati trattati, per certi versi, come malati di serie B. Gli armatori non sono mai stati tenuti, come invece gli imprenditori di altri settori, a versare all’Inail il premio per l’esposizione dei lavoratori a materiali contenenti amianto. Il risultato è che, per gli organismi previdenziali e per gli enti assicurativi contro gli infortuni sul lavoro, di fatto i lavoratori imbarcati hanno cominciato ad esistere solo dopo decenni dal momento in cui hanno preso coscienza dei rischi che correvano. Che fossero lavoratori a rischio ci si è accorti solo quando si sono ammalati e ammalati in maniera grave e comunque solo grazie all’intervento di un giudice. Nessuno ha potuto ottenere, in via cautelativa, di essere destinato ad altra mansione, così come accaduto per altre categorie professionali, lontana dalla fonte di contaminazione.

A rappresentare i lavoratori e le loro famiglie, l’avvocato Pierpaolo Petruzzelli, riferimento in Italia per una serie di procedimenti risarcitori avviati (e vinti) da altri marinai imbarcati proprio su quelle navi «donate» dagli Usa all’Italia dopo la seconda guerra mondiale. Petruzzelli è referente in Italia dell’Asbestos personal injury network che il 16 novembre, a Napoli, terrà un incontro sugli aspetti medico-legali nel rapporto tra giustizia e salute in caso di malattie provocate dall’esposizione all’amianto.

Fonte: Giuseppe Armenise  (La Gazzetta del Mezzogiorno)

Powered by WordPress | Designed by: SEO Consultant | Thanks to los angeles seo, seo jobs and denver colorado